Rassegna Stampa

Ultimi articoli

■ Corriere della Sera - 16/9/2016
   Lusso, la vera moda è ...

■ Milano Finanza - 13/3/2014
   Cacciatori di teste 2.0 ...

■ Repubblica - 31/12/2013
   Cacciatori di teste 2.0 ...

■ Aziendabanca - Dic 2013
   I nuovi professionisti ...

■ Bargiornale - Nov/Dic 2013
   L’industria alla prova ...

■ CorrierEconomia - 28/10/2013
   Acquisizioni - Da Ittierre a ...

■ Zerouno - 25/10/2013
   Value Search: credential check...

■ Espansione - Settembre 2013
   Cerchi lavoro da manager? ...

Tutti gli articoli ►


La Provincia di Varese - Sabato 27 Ottobre 2007


Varese ancora ricca di aziende ma perde manager

di Piero Orlando

Varese - «Varese ha ancora aziende di grande valore, con dimensioni e rilevanza di livello nazionale e internazionale, ma questo territorio si sta sempre più depauperando in termini di patrimonio industriale e imprenditoriale». E' un campanello d’allarme lanciato da chi conosce da vicino il panorama aziendale locale, quello di Giovanna Brambilla, varesina, un passato come manager al calzaturificio di Varese, oggi amministratore delegato di Value Search, una società di “head hunting” con sede a Milano specializzata nella ricerca di professionisti, associata a “The Taplow Group”. Il network internazionale di società indipendenti nel settore dell’executive search e delle risorse umane, quest’anno ha scelto Varese per il meeting europeo e al Palace Grand Hotel Value Search presenta i risultati di un sondaggio sullo scenario dell’executive search a livello internazionale.

Da Varese a Milano, come si diventa cacciatore di teste?

Le posso dire il mio percorso professionale: dopo la laurea in Bocconi, ho iniziato la mia carriera come marketing manager al Calzaturificio di Varese. Dopo sei anni ho deciso di affrontare una nuova sfida entrando in Tmc Amrop International come responsabile della struttura di ricerca. Poi il salto all’attività imprenditoriale nell’executive search.

Chi sono i clienti di una società di “head hunting”?

Aziende nazionali e multinazionali alla ricerca di manager, a cui offriamo una consulenza a 360 gradi, dalla definizione dei profili dei candidati, alla ricerca, alla negoziazione, fino all’affiancamento nell’inserimento in azienda. Non sono solo grandi nomi: quando un’azienda cresce, capita che ci sia la necessità di ricercare nuovo personale per certe competenze.

Avete aziende varesine?

Ci sono, anche se il mercato dell’head hunting è sempre spostato nei grandi centri, Milano e Roma su tutti, dove è reperibile il bacino più ampio di manager. Varese, come un po’ tutte le province che gravitano sul capoluogo, sta diventando sempre più periferia residenziale di Milano.

In che senso?

Il traffico del mattino sull’A8 in direzione Milano mostra chiaramente dove i residenti vanno a lavorare, perché a Varese si vive benissimo ma sempre meno aziende di rilevanza nazionale decidono di stabilirsi.

Quali sono i settori più battuti dalle società di executive search?

In Italia si ricercano soprattutto figure nel settore della moda, dei beni di lusso e dell’ICT. Ma cerchiamo anche molti manager “industrial”, per il settore dei beni di largo consumo, alimentari, elettrodomestici.

Ci sono sempre più manager giovani e donne?

L’età dei manager è scesa, ma dipende dai settori e dalle figure. Non è così per i General Manager mentre i manager responsabili di funzione hanno tra i 35 e i 45 anni. Per le donne resta il tetto di cristallo per le figure più alte, ma sono sempre più presenti tra i capi funzione, un segnale evidente di un’evoluzione.

Piero Orlando