Rassegna Stampa

Ultimi articoli

■ Corriere della Sera - 16/9/2016
   Lusso, la vera moda è ...

■ Milano Finanza - 13/3/2014
   Cacciatori di teste 2.0 ...

■ Repubblica - 31/12/2013
   Cacciatori di teste 2.0 ...

■ Aziendabanca - Dic 2013
   I nuovi professionisti ...

■ Bargiornale - Nov/Dic 2013
   L’industria alla prova ...

■ CorrierEconomia - 28/10/2013
   Acquisizioni - Da Ittierre a ...

■ Zerouno - 25/10/2013
   Value Search: credential check...

■ Espansione - Settembre 2013
   Cerchi lavoro da manager? ...

Tutti gli articoli ►


Finanza & Mercati - Giovedì 10 Giugno 2004


Radice, dopo M&S può esserci Coin

di L.T.

Vittorio Radice lascia Marks & Spencer. E tra le ipotesi che si aprono a riguardo di un suo possibile ritorno in Italia, spicca l'idea che potrebbe essere l'uomo giusto per il rilancio della Coin. Il manager è tra i nomi italiani della moda più apprezzati oltremanica e non solo, al punto che era nella top list dei possibili successori di Domenico De Sole in Gucci. L'annuncio delle dimissioni, arrivato ieri da Londra, non è stato una sorpresa. Infatti, è vero che Radice, già direttore della divisione Home, era appena stato nominato responsabile dell'abbigliamento con l'incarico di rivitalizzarlo come già aveva fatto in Seflridges. Ma è anche vero che M&S sta vivendo un difficile momento e che sta cercando di contrastare la scalata ostile di Philip Green. Per questo, il nuovo amministratore delegato Stuart Rose, arrivato una settimana fa, ha annunciato un rinnovo del management. Insomma, Radice lascia in conseguenza del terremoto ai vertici di M&S. "Ciò non toglie - commenta Giovanna Brambilla di Value Search, società leader nell'head hunting del settore - che Radice farebbe molto comodo all'Italia. Soprattutto alla distribuzione: le nostre catene, all'estero, non sono all'altezza dei risultati raggiunti dal made in Italy".