Rassegna Stampa

Ultimi articoli

■ Corriere della Sera - 16/9/2016
   Lusso, la vera moda è ...

■ Milano Finanza - 13/3/2014
   Cacciatori di teste 2.0 ...

■ Repubblica - 31/12/2013
   Cacciatori di teste 2.0 ...

■ Aziendabanca - Dic 2013
   I nuovi professionisti ...

■ Bargiornale - Nov/Dic 2013
   L’industria alla prova ...

■ CorrierEconomia - 28/10/2013
   Acquisizioni - Da Ittierre a ...

■ Zerouno - 25/10/2013
   Value Search: credential check...

■ Espansione - Settembre 2013
   Cerchi lavoro da manager? ...

Tutti gli articoli ►


Corriere della Sera - CorrierEconomia - Lunedì 5 Giugno 2006


INCHIESTA Sessi & Società

ROMA-MADRID Il neoministro Barbara Pollastrini progetta un intervento ampio, "sul modello delle più avanzate esperienze europee". Appuntamento chiave in autunno

Poche ministre? In azienda è anche peggio

Meno donne nei consigli di amministrazione rivela una ricerca inedita. L'attenzione è puntata sul nuovo governo

di Maria Silvia Sacchi

Se in politica hanno di che protestare, nell’economia non sono messe molto meglio. Sei donne ministro, di cui cinque senza portafoglio, è stato il risultato ottenuto nel governo Prodi, dopo molte promesse chiaramente mancate. Ma se si guarda l’ultima ricerca realizzata dalla società di consulenza Governance Consulting, ancora inedita, si vede che nelle aziende italiane quotate il numero delle donne amministratore delegato si è ulteriormente assottigliato. Cinque contro otto di un anno prima. Sette, se si aggiungono anche le due che sommano a quella di ad anche la carica di presidente, il che porta a 10 il numero totale di presidenti donna di un consiglio di amministrazione di società quotata.
Dati davvero miseri, se si considera che in totale gli amministratori delegati (uomini e donne) sono 213, cui si aggiungono 268 presidenti. Risultato: sono 15 donne su 481, il 3,1% del totale. Per giunta, pure in calo rispetto ai già deludenti risultati di un anno fa: erano 17 su 477. E considerando tutte le posizioni presenti in un consiglio di amministrazione - amministratore delegato, presidente, vice presidente e semplice consigliere - le donne rappresentano solamente il 4,5% del totale, rispetto al 4,7% di un anno prima. C’è un altro dato, però, nella ricerca realizzata da Livia Aliberti Amidani, che promette ancora meno. Ed è quello che dice che è diminuita la presenza delle donne nei collegi sindacali, gli organi che alle società devono “fare le pulci”: dal 7,6% del 2005 al 6,9% di quest’anno.
Scorrere l’elenco delle sette donne amministratore delegato è indicativo: Barbara Bazzocchi (Elen spa), Oriana Draghetti (Sicc), Giuliana Ligresti (Premafin), Donatella Ratti (Ratti), Susanna Ravanelli (Mirato), Maria Carlotta Rinaldini (Richard Ginori), Rossella Sensi (As Roma). Se si esclude Draghetti, le altre amministratrici sono tutte azioniste in proprio o parte della famiglia azionista della società. E se si esclude Donatella Ratti, tutte condividono responsabilità e potere con altri amministratori delegati. Insomma, niente di nuovo. Il che è una notizia negativa.
“Il tema della presenza delle donne nel lavoro è costantemente trattato - dice Maurizia Iachino Leto di Priolo, partner di Governance Consulting - ma c’è un appoggio tiepido: si dice “meglio una donna” ma poi quella donna non la si va a cercare”.
All’analisi sulle società quotate fa da specchio un’altra ricerca in via di pubblicazione e che riguarda, questa volta, le piccole e medie imprese italiane. Realizzata da Università Bocconi e Osservatorio Armonia conferma, in sintesi, che le donne (poche) sono più spesso capoazienda se sono anche azioniste, sono in percentuale maggiore consiglieri d’amministrazione se l’impresa è famigliare e in questo tipo di società trovano un contesto che le aiuta (ma vale anche per gli uomini) ad avere una vita personale più libera (figli). Le donne dirigenti, invece, (sempre poche) si trovano più frequentemente nelle imprese non famigliari, dove per chi è capoazienda diventa più difficile conciliare vita privata e vita lavorativa.
Il vero scoglio sta, comunque, lì: la stanza dei bottoni. Le donne arrivano fino al riporto all’amministratore delegato, poi si fermano.
Va meglio, dicono i consulenti che si occupano di ricerca del personale di alto livello come Giovanna Brambilla, partner di Value Search (società, peraltro, tutta al femminile), nei gruppi internazionali. Dove una spinta arriva anche dal diversity management: se ci sono comitati di controllo che funzionano, sono un aiuto. Lindt Italia, filiale della società svizzera, oltre ad avere una forza lavoro femminile al 70%, ha tre donne su otto nel comitato esecutivo e un alto tasso di nascite anche tra le dirigenti, conferma il presedente Antonio Bulgheroni. Anche Vodafone è un esempio noto e altri ce ne sono. Ma ancora pochi.
Secondo chi studia questi problemi, però, quel che si nota è sempre più marcato cambio di atteggiamento delle donne. Dice Iachino: “Quando si chiede "perché, per un cda, non prendete in considerazione una donna?" La risposta è: "Perché non ce ne sono". Bene, noi faremo partire ad ottobre un corso specifico per donne consiglieri di amministrazione così non si potrà poi dire "non ce ne sono". Reazioni dall’interno anche per le piccole e medie imprese famigliari. “Abbiamo chiesto informazioni sulla gestione del ricambio generazionale - sottolinea Daniela Montemerlo, docente di strategia delle aziende familiari in Bocconi e autrice dello studio insieme a Luca Gnan - ed è risultato che nelle aziende famigliari in cui il capoazienda è donna le modalità del ricambio sono state più discusse. Sarà forse un caso, ma la stessa analisi dice che l’avvento delle donne si è concentrato nel decennio tra il’90 e il 2000 nell’ambito dei processi di ricambio generazionali (l’80% delle donne capoazienda lo è diventato in questo periodo contro il 40% degli uomini). Intanto, è cresciuta la quota di capitale azionario detenuta da donne, prevista in ulteriore aumento.
Ma tutta l’attenzione è puntata sul nuovo governo. Quali possono essere gli effetti di un’azione politica, lo dimostrano le altre nazioni.
Anche se l’esempio dovrebbe partire dall’alto: il governo Zapatero ho donne e uomini in egual misura. Anche in Norvegia, considerata una delle patrie delle parità, donne e uomini hanno ancora pesi diversi (22 su 100) nei cda delle imprese quotate nonostante la legge, del 2002, obblighi a riservare alle donne il 40% dei posti. Il governo ha puntato i piedi, minacciando di chiudere le imprese inadempienti entro il 2007. In Spagna il governo ha introdotto il concetto di “rappresentanza equilibrata”, quella cioè che “garantisce la presenza di uomini e donne in modo che nell’aggregato di riferimento le persone di ciascun sesso non superino il 60% e non siano meno del 40”. Le imprese private non sono obbligate a mantenere questo equilibrio, ma se non lo avranno saranno penalizzate nei contratti di appalto pubblici. In Italia Barbara Pollastrini, neoministro delle pari opportunità, ha subito detto che le quote rosa (bocciate dal precedente Parlamento) saranno “uno dei provvedimenti dei 100 giorni”, ma che la meta finale dovrà essere un intervento più ampio e ambizioso, su modello delle più avanzate esperienze europee.
Un appuntamento centrate si avrà in autunno. Quando l’Italia presenterà alla Commissione Ue la “Relazione strategica sulla protezione e l’inclusione sociale” che dovrà anche indicare il raccordo con il “Piano di competitività e di crescita” predisposto lo scorso anno dall’ex ministro La Malfa. Si vedrà allora se ci sarà quella cornice necessaria a trasformare misure singole in un percorso che faccia fare davvero passi avanti all’Italia.