Rassegna Stampa

Ultimi articoli

■ Corriere della Sera - 16/9/2016
   Lusso, la vera moda è ...

■ Milano Finanza - 13/3/2014
   Cacciatori di teste 2.0 ...

■ Repubblica - 31/12/2013
   Cacciatori di teste 2.0 ...

■ Aziendabanca - Dic 2013
   I nuovi professionisti ...

■ Bargiornale - Nov/Dic 2013
   L’industria alla prova ...

■ CorrierEconomia - 28/10/2013
   Acquisizioni - Da Ittierre a ...

■ Zerouno - 25/10/2013
   Value Search: credential check...

■ Espansione - Settembre 2013
   Cerchi lavoro da manager? ...

Tutti gli articoli ►


Corriere della Sera - Venerdì 29 Maggio 2009 - Pagina 41


EMAIL AZIENDALI - I CACCIATORI DI TESTE: È PIÙ COMODO, MA CONTROPRODUCENTE

Il curriculum? Un candidato su due lo spedisce dall'ufficio

Ebbene sì, inviare il curriculum dall'ufficio è una «normale» consuetudine. E, se ciò non bastasse, si utilizza pure direttamente la posta elettronica aziendale. I manager non fanno eccezione. Bernard Cantournet (Ray & Berndtson) fuga ogni dubbio al proposito: «Sulla fascia media - afferma - lo fa tranquillamente un buon 50%». E non si ferma qui: riferisce, anzi, che ai «piani più alti» ci si spinge anche oltre. «Qualcuno mi ha detto: beh, guardi, sono in viaggio, le faccio mandare il curriculum dalla mia segretaria», esemplifica eloquentemente. Per chi si chiedesse che effetto faccia il «contatto dall'ufficio» sul selezionatore, chiariamo subito che nessun head hunter al mondo cestinerebbe mai una candidatura per un simile peccatuccio. Ma non serve scomodare Lord Brummell per dire che l'approccio non è dei più eleganti.
Giovanna Brambilla (Value Search), infatti, non va per le sottili: «E' di scarso buon gusto, oltre che spiacevole. E denota superficialità, se non arroganza», commenta. Chi vuole intendere, intenda. Se, poi, qualcuno si domandasse se sia un comportamento lecito, la risposta è netta: no. «L'uso di strumenti aziendali per fini personali non è legittimo, salvo che non sia espressamente autorizzato dal datore di lavoro», informa l'avvocato Gabriele Fava, esperto giuslavorista dell'Associazione italiana per la direzione del personale Aidp. «Quanto più lo fai, tanto più aumenta il rischio di essere licenziato», ammonisce Fava. E, di fatto, c'è chi ha perso il lavoro anche per il semplice vizietto di indugiare sui siti di viaggi. «Un'ora al giorno sottratta all'azienda è un inadempimento contrattuale: oltre a licenziarti, possono chiederti il pagamento dei danni». Il discorso vale, ovviamente, anche per l'invio di cv dall'azienda. Cosa può succede a chi eccede? Fava rassicura: «Finora si è arrivati al massimo alla sospensione dal lavoro e dalla retribuzione per alcuni giorni». Però, di certo, è meglio non perseverare.

Iolanda Barera