Rassegna Stampa

Ultimi articoli

■ Corriere della Sera - 16/9/2016
   Lusso, la vera moda è ...

■ Milano Finanza - 13/3/2014
   Cacciatori di teste 2.0 ...

■ Repubblica - 31/12/2013
   Cacciatori di teste 2.0 ...

■ Aziendabanca - Dic 2013
   I nuovi professionisti ...

■ Bargiornale - Nov/Dic 2013
   L’industria alla prova ...

■ CorrierEconomia - 28/10/2013
   Acquisizioni - Da Ittierre a ...

■ Zerouno - 25/10/2013
   Value Search: credential check...

■ Espansione - Settembre 2013
   Cerchi lavoro da manager? ...

Tutti gli articoli ►


Corriere della Sera - Venerdì 11 Gennaio 2008 - Pagina 44


Legge sulla maternità e riposo forzato

Le cacciatrici di teste attaccano i diritti-doveri

La legge sulla maternità? Un diritto obsoleto per le donne manager. Per una fetta di esperte di selezione del personale non ci sono dubbi: cinque mesi di “riposo forzato” (e sei facoltativi in aggiunta) più che una tutela delle mamme oggi sono motivo sufficiente per stroncare la loro scalata ai vertici delle società. “La legge è stata concepita quando c’era una completa fungibilità del lavoro, ma adesso non si può pensare che un’azienda rimanga completamente scoperta di competenze specifiche per cinque mesi”, afferma Giovanna Brambilla, amministratore delegato di Value Search. “Bisognerebbe cambiarla”, rincara Maurizia Villa, managing partner Italia di Heidrick & Struggles. E la sua spiegazione è semplice: “Soprattutto in mercati che hanno un’evoluzione dinamica come quelli finanziari, una persona assente per cinque mesi ha un impatto importante. E quando torna è fuori”. Non tutte però la pensano cosi. “Le parlo della mia esperienza personale e di nostre dirigenti che sono state in maternità recentemente: cinque mesi non pregiudicano la carriera”, assicura Patrizia Bonometti, direttore risorse umane Europa di Tenaris. “Il problema nasce se la manager decide di rimanere a casa anche per il periodo facoltativo”, aggiunge Roberta De Ponti, responsabile risorse umane di Idc per l’Europa. Un fatto, però, è certo: quello che per le lavoratrici in genere è un diritto acquisito e sacrosanto, per le donne in carriera rischia di essere una “fregatura”. Prima, perché molte aziende puntano sul genere maschile per prevenire il “problema maternità”. Dopo, perché il reinserimento lavorativo può essere una brutta sorpresa. Ma soprattutto durante: credete davvero che a una manager sia concesso di staccare completamente la spina?

Iolanda Barera


Articolo in formato originale ►